domingo, 27 de maio de 2012

Festival Palco Italia no Teatro São Pedro com Entrada Franca

Paracasoscia significa "parece um sopro". É uma expressão que resume os propósitos da companhia italiana de dança Botega no espetáculo que foi apresentado nesta quarta-feira, às 19h, com entrada franca, no Theatro São Pedro. 


Como surgiu a ideia?
Segundo o  Diretor e Coreógrafo Enzo Celli : "Uma vez escutei o toque de celular de um rapaz, que era com a abertura da ópera Guilherme Tell, de Gioachino Rossini. Perguntei-me se aquele jovem sabia que música era aquela. Tive quase a certeza de que não, mas gostava dela. Daí veio a ideia de me utilizar de árias das óperas italianas como trilhas de um espetáculo da companhia. Seria uma forma de divulgar a ópera junto ao público jovem, por meio de uma linguagem mais leve e contemporânea".
Fonte Zero Hora

Dia 30 não haverá Encontro de "Conversazione in Italiano"


segunda-feira, 21 de maio de 2012

Conversazione sul film "MANUALE D'AMORE 2"















































Dados técnicos


Gênero: Comédia, Romance
Diretor: Giovanni Veronesi
Atores principais: Monica Bellucci, Elsa Pataky, Sergio Rubini, Riccardo Scamarcio, Antonio Albanese, Fabio Volo, Carlo Verdone, Barbora Bobulova, Claudio Bisio
Ano de produção 2007

domingo, 20 de maio de 2012

Explosão de bomba em colégio na Itália mata estudante - Internacional - Notícia - VEJA.com

         Suspeitas - O colégio leva o nome de Francesca Morvillo, que foi assassinada junto a seu marido, o juiz italiano Giovanni Falcone, e a outros três guarda-costas em um atentado perpetrado pela máfia em 23 de maio de 1992.
        Os investigadores italianos, que não descartam nenhuma possibilidade, acreditam que o atentado pode ter alguma relação com a proximidade do 20º aniversário da morte de Morvillo e Falcone, embora não excluam a hipótese de ter sido obra de um desequilibrado solitário. Temendo novos atentados, as autoridades decidiram evacuar os demais colégios da região.
        Na última quinta-feira, o governo decidiu reforçar os dispositivos de segurança para mais de 14 mil possíveis alvos terroristas, após o recente atentado sofrido pelo executivo-chefe do grupo Ansaldo Nucleare, Roberto Adinolfi, e a tensão gerada em torno da agência de arrecadação de impostos Equitalia.


(Com agência EFE) Veja mais:
Explosão de bomba em colégio na Itália mata estudante - Internacional - Notícia - VEJA.com

La Mafia ha paura della Cultura, ha paura della Scola


Attentato Brindisi, Don Ciotti: La mafia ha paura della scuola


Rai.it
Don Ciotti: La mafia ha paura della scuola: Intervendo a Radio 1, durante la diretta che segue l'evolversi della tragica vicenda dell'attentato di Brindisi in cui è rimasta vittima una studentessa di 16 anni, il prete antimafia Don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele ha spiegato che la mafia ha sostanzialmente paura della cultura e quindi della scuola. Perchè quello è il luogo dove si insegnano i valori. Dichiarazioni che il religioso ripete in realtà da molto tempo. Intanto emergono nuovi particolari sul tipo di ordigno esploso in Via Galanti. Le bombole di gas, collegate tra loro e deflagrate stamattina erano tre e non sarebbero state nascoste in un cassonetto, ma collocate adiacenti ad un muretto vicino alla scuola.

Dom Ciotti
L'obiettivo dell'attentato quindi, forse erano proprio gli studenti. Oltre alla 16enne rimasta uccisa, un'altra ragazza avrebbe riportato un trauma toracico e diverse ustioni.  La studentessa, sottoposta ad un delicato intervento in queste ore, sarebbe in condizioni gravissime. Degli altri cinque feriti, due non appaiono aver riportato traumi preoccupanti, mentre gli altri tre avrebbero riportato ustioni sul 40% del corpo. L'istituto Morvillo-Falcone si trova a pochi passi dal Tribunale di Brindisi, città dove oggi era attesa la Carovana Antimafia. In questi giorni ricorre anche l'anniversario della morte di uno dei Giudici Simbolo della lotta alla mafia, Giovanni Falcone e della moglie Francesca Morvillo, deceduti nella strage di Capaci, ai quali l'istituto professionale di Brindisi è intitolato.
Vittima una studentessa di 16 anni
Fonte: LIBERO.IT

quinta-feira, 17 de maio de 2012

LITTIZZETTO, SAVIANO, FAZIO: QUELLO CHE (NON) HO - QUELLO CHE HO

Quello che (non) ho - Roberto Saviano e Fabio Fazio


Anche i drammi della crisi economica e lo scontro tra politica e antipolitica fanno parte del sillabario della prima puntata di Quello che (non) ho, il viaggio nel mondo delle parole di Fabio Fazio e Roberto Saviano.
Quello che (non) ho - titolo che è un dichiarato omaggio a Fabrizio de André - è un vero e proprio reading, un raduno civile fatto di incontri, testimonianze, canzoni, monologhi. L'idea centrale del racconto poggia sulla convinzione che una parola è il veicolo per raccontare l'esperienza significativa di un'esistenza: per questo ciascuno degli ospiti porta in studio la sua parola "cara", raccontando una storia, leggendo un brano o cantando una canzone.
Le parole sono declinate in tanti modi, dalle parole "da buttare" a quelle "depredate", da quelle "non mantenute" a quelle "d'autore", dalle parole "d'ordine", che siano un auspicio per il futuro, a quelle gergali, per dirlo "in altre parole".
Roberto Saviano ha scelto di iniziare dalla più scottante attualità: il suo monologo affronta il tema della crisi economica attraverso i drammi personali di chi, in modo trasversale, paga sulla propria pelle le conseguenza di una situazione difficile, mentre a guadagnarci sono le mafie.
Sul senso delle parole politica ed antipolitica e, ovviamente, su ciò che questo confronto rappresenta nel momento attuale, intervengono Gad Lerner e Marco Travaglio.
Quello che (non) ho è un racconto a più voci che si snoda lungo tre linee narrative: l'emotività suscitata dalle parole e dagli incontri, l'attualità dei monologhi di Roberto Saviano e la comicità di Luciana Littizzetto ospite fissa delle tre serate e degli altri artisti che si aggiungeranno a rotazione ogni sera a partire da Paolo Rossi.
Quello che (non) ho è anche un racconto musicale nel quale le canzoni sono scelte ed interpretate per la loro capacità di essere parola, memoria, dunque parte integrante di un discorso che punta a suscitare emozioni attraverso titoli che ormai sono considerati veri e propri inni di libertà e di protesta. Sarà Elisa, per tutte e tre le serate, a questo racconto in musica fatto attraverso cover di canzoni leggendarie. In questa prima puntata intervengono anche Raphael Gualazzi e i Litfiba.
Il dialogo tra Fabio Fazio e Roberto Saviano, questa volta, prendendo spunto dal titolo del programma sarà tra "quello che ho" e "quello che non ho".

segunda-feira, 14 de maio de 2012

Conversazione in Italiano: La Bestia nel Cuore

La bestia nel cuore è un film del 2005 diretto da Cristina Comencini, basato sull'omonimo romanzo della stessa regista.


Sabina ha una vita normale. È abbastanza soddisfatta del suo lavoro e del rapporto con suo marito Franco. Ultimamente però degli incubi spaventosi hanno cominciato a disturbarla e quasi nello stesso tempo scopre di essere incinta. Per gradi si ricorda della sua infanzia in una famiglia severa della classe media. Ma un grande segreto è nascosto all'interno del suo cuore, nella parte più remota della sua memoria. Sabina decide di mettersi in contatto con Daniele, suo fratello, che vive e insegna in un’università negli Stati Uniti, per provare a capire che cosa è accaduto nel loro passato. Qual è il segreto? Sabina è determinata a portare chiarezza e serenità nella sua vita. In ultimo riesce a liberarsi dalla sua "bestia nel cuore".



Indicado ao Oscar de Melhor Filme Estrangeiro e ganhador de muitos prêmios no Festival de Veneza, Segredos do Coração é um filme muito emocionante e terno. Sabina (a fantástica Giovanna Mezzogiorno) está feliz com seu trabalho e seu amor por Franco. Mas pesadelos começam a perturbá-la. Ao mesmo tempo ela descobre que está grávida. Passo a passo, Sabina se lembra da sua infância passada numa família severa de classe média. No entanto, o maior segredo está guardado em seu coração. Ela entra em contato com seu irmão, que vive nos Estados Unidos, para tentar entender o que aconteceu no seu passado. Qual é o segredo? Ela está determinada a trazer serenidade a sua vida.



domingo, 6 de maio de 2012

Conversazione in italiano - I Vitelloni, di Fellini




I vitelloni è un film del 1953 diretto da Federico Fellini.
Il film è incentrato attorno a un gruppo di cinque giovani di Rimini; l'intellettuale Leopoldo, il donnaiolo Fausto, il maturo Moraldo, l'infantile Alberto e l'inguaribile giocatore Riccardo.


Il soggetto del film, scritto inizialmente da Ennio Flaiano, era stato concepito per essere ambientato nella allora cittadina di Pescara. Fellini decise di ambientare il film a Rimini, sua città natale, anch'essa una piccola città costiera sul Mare Adriatico. Tuttavia le riprese si svolsero tra Firenze, Viterbo, Ostia e Roma.


La sceneggiatura di Federico Fellini, Ennio Flaiano e Tullio Pinelli è stata candidata agli Oscar del 1958.

I vitelloni (br: Os Boas-Vidas / pt: Os Inúteis) é uma comédia dramática franco-italiana de 1953, dirigida por Federico Fellini.


O roteiro do filme foi escrito por Federico Fellini e Enio Flaiano baseado em história deles e de Tullio Pinelli, a trilha sonora foi criada por Nino Rota e a montagem ficou a cargo de Rolando Benedetti.
Com belíssima música de Nino Rota parceiro inseparável de Fellini, Os Boas-Vidas conta com ótimo elenco, com destaque para o inesquecível Alberto Sordi (Abismo de Um Sonho), Franco Interlenghi (Vítimas da Tormenta) e Riccardo Fellini, irmão do cineasta
As locações ocorreram nas cidades de Florença, Rimini e Viterbo.