segunda-feira, 11 de agosto de 2014

Ouro Preto: città brasiliana Patrimonio dell'Umanità




Ouro Preto è un comune del Brasile nello Stato di Minas Gerais ed è parte della regione metropolitana della grande Belo Horizonte. In passato città mineraria, situata fra le montagne della Serra do Espinhaço, Ouro Preto è stata, nel 1980, la prima città brasiliana ad essere inserita nell'elenco dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO per le sue numerose e storiche chiese barocche.

Piazza Tiradentes e Museo 

Ouro Preto venne fondata alla fine del XVII secolo e divenne rapidamente il punto centrale della corsa all'oro in Brasile nel secolo successivo (Ouro Preto significa letteralmente Oro Nero).


Nel 1789 la città fu il punto di partenza della rivolta chiamata "Inconfidência Mineira". Fu il tentativo di rendersi indipendenti dal Portogallo e formare una Repubblica brasiliana.

 “Sentença de Tiradentes”
È stata la capitale dello Stato dal 1822 al 1897, anno in cui il Governo venne spostato nella città di Belo Horizonte di recente fondazione.



Ouro Preto ha un'architettura coloniale ben conservata, con chiese in cui abbondano le decorazioni auree e le opere dell'architetto e scultore brasiliano Aleijadinho. In epoca coloniale le arti vennero particolarmente curate e sviluppate, grazie anche alla presenza di artisti come il pittore Mestre Athayde, compositori come la famiglia Lobo de Mesquita e poeti come Thomas Gonzaga.



                   OURO PRETO In video  





Benché oggi il turismo sia la voce più importante nell'economia di Ouro Preto, nella città si trovano le sedi di importanti industrie metallurgiche e minerarie, come ad esempio la Alcan, la più importante compagnia di alluminio del Brasile.
Nei dintorni della città si trovano depositi di minerali quali oro, ematite, ferro, bauxite, manganese, talco, marmo, dolomite, tormalina, pirite, topazi (una variante del quale, il topazio imperiale, è una pietra che si trova solamente a Ouro Preto).




Nenhum comentário:

Postar um comentário