domingo, 22 de abril de 2012

Conversazione in Italiano - La lingua italiana dei poeti





















Ma ogni storia ha la stessa illusione, sua conclusione,
e il peccato fu creder speciale una storia normale.
Ora il tempo ci usura e ci stritola in ogni giorno che passa correndo,
sembra quasi che ironico scruti e ci guardi irridendo.
E davvero non siamo più quegli eroi pronti assieme a affrontare ogni impresa;
siamo come due foglie aggrappate su un ramo in attesa.
-- Francesco Guccini












Credo nell'amore che ti consuma e ti spacca il cuore... Credo nell'amicizia, quella vera e forte... Credo nei litigi e nei vaffanculo urlati al mondo. Credo al sole dopo la tempesta. Credo negli abbracci che ti tolgono il respiro e nei baci che ti accarezzano la carne. Credo al sesso, quello violento che ti fa sentire viva e credo nelle persone che ti sanno far vibrare l'anima. Io si, almeno credo!
-- Ligabue










Ligabue ha indirizzato  all'amico la musica: "Caro il mio Francesco", una lettera-canzone fuori dagli schemi. 

continua su Venerdi di Repubblica

Nenhum comentário:

Postar um comentário